Storia - Università di Scienze Sociali e Tecnologiche Visconti

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Storia

Ateneo
Storia delle Università Popolari

Le Università Popolari sono nate in Italia tra il 1900 e 1901 ad opera del Partito Socialista e dei sindacati seguendo gli esempi già attivi nel XIX secolo in Danimarca e Svezia e, sul finire dello stesso secolo, in Inghilterra.

La diffusione fu rapida in Italia come lo fu contemporaneamente in tutta Europa. Nacquero nelle maggiori città, nelle città di provincia, ma anche in piccoli comuni di tutta Italia.
Alla base di quel movimento vi era l'idea di diffondere l’istruzione tra il popolo per mezzo di conferenze, dibattiti, distribuzione di opuscoli e libri.

I principi ottocenteschi ispiratori delle Università popolari in tutta Europa, furono quelli di fare avvicinare alla cultura tutti i ceti sociali, specialmente quelli più emarginati. In questa azione sociale, si distinsero allora i socialisti e i sindacalisti ma, in seguito, questi principi furono affermati da tutti gli spiriti democratici e liberali.

Qui accanto, le foto di alcuni illustri personaggi storici che hanno contribuito alla missione delle Università popolari nel nostro Paese.

Gabriele D'Annunzio
Luigi Einaudi
Giovanni Bovio
Gaetano Salvemini
Benedetto Croce
Gioacchino Volpe
 
Torna ai contenuti | Torna al menu